Barbaresco

Barbaresco Riserva Paje’ 2014 PRODUTTORI DEL BARBARESCO

104.00

2 disponibili

COD: BPPJ14 Categoria: Tag: ,

Barbaresco Riserva Paje’ 2014 PRODUTTORI DEL BARBARESCO

Barbaresco Riserva Paje’ PRODUTTORI DEL BARBARESCO

  • L’attuale Cantina Sociale dei Produttori del Barbaresco, fondata nel 1958
  • considerata una delle cantine più pestigiose della zona
  • Nella seconda metà del secolo scorso il vino nebbiolo era coltivato e venduto per produrre l’allora emergente Barolo o vinificato come vino nebbiolo o generico vino da pasto.

Bisogna quindi arrivare al 1894, data storica fondamentale per Barbaresco, in quell’anno, infatti, Domizio Cavazza, preside della Regia Scuola Enologica di Alba e residente a Barbaresco, dove era proprietario del Castello e dell’annessa azienda agricola, creò le “Cantine Sociali di Barbaresco” per la “produzione di vini di lusso e da pasto”. Riunendo attorno a sé inizialmente nove tra agricoltori e produttori iniziò a vinificare e denominare il vino con il nome del paese stesso.

  • Che il Nebbiolo coltivato a Barbaresco avesse i suoi ben precisi caratteri distintivi si sapeva, ma Cavazza per primo riconobbe tale peculiarità in etichetta.
  • Il 1894 è quindi l’anno di nascita ufficiale del Vino Barbaresco.
  • La “Produttori del Barbaresco” conta oggi 56 menbri
  • dispone di circa 100 ettari di vigneti a Nebbiolo pari a circa 1/6 dell’intera zona di origine.
  • La “Produttori del Barbaresco” vinifica esclusivamente uve nebbiolo
  • controlla con le sue vigne gran parte dei “crus” storici della zona.

La cantina

Inizialmente composta da nove viticoltori, la cooperativa cominciò a vinificare sfruttando le cantine appartenenti all’azienda dello stesso preside Domizio Cavazza, che d’accordo con gli altri soci, scelse di dare al vino lo stesso nome del paese: Barbaresco.

La cantina rimase sotto la guida di Cavazza sino al 1913, anno in cui il preside venne a mancare.

Successivamente, la cooperativa, dopo altre sette anni di attività dovette chiudere nel 1920, in piena epoca fascista. Passato il dopoguerra, però, fu il parroco di Barbaresco, Don Fiorino Marengo, che nel 1958 decise di riprendere le redini del progetto iniziato da Cavazza, rifondando la cantina sociale del paese con il nome “Produttori del Barbaresco”, e riunendo una ventina di viticoltori che convinti della qualità del nebbiolo delle loro vigne, scelsero di aggregarsi insieme “per la qualifica e garanzia del Barbaresco”.

Da allora a oggi la “Produttori del Barbaresco” ha vissuto anni di pieno successo, conta attualmente oltre cinquanta membri soci conferitori, e dispone di circa cento ettari di vigneti, esclusivamente impiantati a nebbiolo e pari a circa 1/6 dell’intera zona di origine.

Grazie alla costante dedizione di tutti i viticoltori appartenenti alla cooperativa, la “Produttori del Barbaresco” non solo viene da tempo considerata tra le cantine più prestigiose del territorio delle Langhe piemontesi, ma è addirittura spesso presa ad esempio come una delle migliori cooperative di tutto il mondo.

Colore:

  • Rosso rubino con sfumature granato

Profumo:

  •  fragranza del frutto che accompagna una nota leggermente speziata.

Abbinamenti:

  • Un Barbaresco richiede piatti strutturati di carni rosse, brasati, stufati.
  • Ottimo anche con formaggi stagionati ma anche eccellente come vino da meditazione.

Alc. 13,5% vol.

Peso 1.5 kg
Producer

Denominazione

Vitigno

Annata

Regione

Formato

Amazon Country

Italia

Amazon Wine Type

Rosso

Vol Alcolico

13,5

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Barbaresco Riserva Paje’ 2014 PRODUTTORI DEL BARBARESCO”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *