Vini rossi

PRODUTTORI DEL BARBARESCO Barbaresco 2017 Doppio Magnum

169.00

2 disponibili

COD: BP2017DMG Categorie: , Tag: , ,

PRODUTTORI DEL BARBARESCO Barbaresco 2017 DOPPIO MAGNUM

PRODUTTORI DEL BARBARESCO

LA STORIA

Il 1894 è un anno fondamentale per Barbaresco. Prima di quella data il Nebbiolo qui coltivato era venduto per produrre vino Barolo oppure vinificato come semplice vino da pasto. Nel 1894 Domizio Cavazza, allora preside della Regia Scuola Enologica di Alba e residente a Barbaresco, dove era proprietario del Castello e dell’annessa azienda agricola, creò le «Cantine Sociali di Barbaresco» per la «produzione di vini di lusso e da pasto»

Riunendo attorno a sè nove tra agricoltori e proprietari, egli iniziò a vinificare nelle cantine del Castello ed a denominare il vino con il nome del paese stesso. Che il Nebbiolo coltivato a Barbaresco avesse caratteri suoi distinti si sapeva, ma Cavazza per primo riconobbe tale peculiarità in etichetta. Il 1894 è quindi l’anno di nascita ufficioso del vino Barbaresco.

Cavazza morì nel 1913 e la cantina sociale fu chiusa negli anni 20. Nel 1958, rifacendosi a quella tradizione, Don Fiorino Marengo, allora parroco di Barbaresco, riunì diciannove agricoltori e fondò la Produttori del Barbaresco «per la qualifica e garanzia del Barbaresco». Obiettivi pienamente centrati e tutt’ora perseguiti: grazie alla dedizione ed al lavoro dei viticoltori che l’hanno creata, la Produttori del Barbaresco è da tempo considerata tra le cantine più prestigiose della zona ed è un esempio per le cooperative di tutto il mondo.

LA CANTINA

Fondata nel 1958, oggi conta 50 membri con circa 110 ettari di vigneti a Nebbiolo (1/7 della zona d’origine) e controlla gran parte dei «cru» storici della zona. La Produttori del Barbaresco vinifica solamente uva Nebbiolo, producendo un Barbaresco D.O.C.G., da uve provenienti da vigneti diversi nella zona d’origine, ed un Nebbiolo Langhe D.O.C. con l’uva dei medesimi vigneti giudicata meno idonea a produrre un vino da invecchiamento, più semplice e di pronta beva.

Nelle grandi annate sono prodotti 9 Barbaresco da vigneti specifici e commercializzati come Barbaresco Riserva: Asili, Rabajà, Rio Sordo, Ovello, Montestefano, Pajé, Muncagota, Montefico, Pora, zone da sempre note per la produzione di uve di particolare pregio. Dall’annata 2007 essi sono ufficialmente riconosciuti dal disciplinare di produzione come «Menzioni Geografiche Aggiuntive». Il nome del Cru e dei proprietari dei vigneti stessi sono riportati sulle etichette numerate.

In una annata buona sono così prodotte circa 500.000 bottiglie suddivise tra Barbaresco (40%), Riserva (35%) e Nebbiolo Langhe (25%).

BARBARESCO

Il Barbaresco è prodotto ogni anno dai 100 ettari di vigneti situati nella zona d’origine, principalmente nel comune di Barbaresco stesso.

Nelle grandi annate, quando la qualità delle uve è ottima in tutta la zona, i crus storici sono tenuti separati ed imbottigliati come riserva; il Barbaresco è quindi prodotto con le uve degli altri vigneti.

Nelle annate normali le riserve non sono prodotte e le uve dei crus sono utilizzate per produrre il Barbaresco, elevandone la qualità intrinseca.

Grazie alla varietà di vigneti utilizzati il Barbaresco dei “Produttori” esprime al meglio le caratteristiche specifiche di ogni annata con grande equilibrio ed armonia.

Il Barbaresco dei Produttori del Barbaresco è uno dei vini rossi più pregiati del Piemonte, dalla storia antica. Venne nominato per la prima volta a fine 700′ ma è intorno al 1894 che il Barbaresco inizia a conquistare il mondo per merito di Domino Gavazza e delle sue Cantine Sociali. Dopo di lui, nel 1958, Don Fiorino Marengo fonda la Produttori del Barbaresco. Oggi le coltivazioni di Barbaresco sono concentrate in alcuni comuni della provincia di Cuneo, Piemonte, e nella famosa zona delle Langhe, molto piovosa e nebbiosa ma proprio per questo funzionale alla coltivazione del nebbiolo, vitigno delicato che richiede una lenta maturazione tanto da protrarsi, in alcune annate, fino a novembre inoltrato. I terreni argillosi o calcarei-argillosi insieme all’altitudine della zona sono elementi chiave della sua coltivazione, a tutto vantaggio della qualità del Barbaresco, vino composto da nebbiolo 100%.

La vinificazione del Barbaresco dei Produttori del Barbaresco

Al momento della raccolta delle uve nebbiolo, queste vengono pigiate per ottenerne il mosto, lasciato a fermentare in enormi tini o in vasche d’acciaio a 28°, 30 giorni sulle bucce, rimontaggi 2 volte al giorno, malolattica svolta . I tempi di invecchiamento del Barbaresco così prolungati non sono casuali ma gli permettono di assumere il caratteristico sapore asciutto e delicato.

Annata 2017

Varietà: 100% Nebbiolo
Vigneto: vari nella zona d’origine del Barbaresco
Superficie: selezione di uve dai 100 ettari in proprietà
Esposizione: sud, ovest, est
Terreno: argilloso-calcareo con venature sabbiose
Vinificazione: fermentazione in acciaio a 28°, 30 giorni sulle bucce, rimontaggi 2 volte al giorno, malolattica svolta
Affinamento: 24 mesi in botti di rovere da 50 hl
Imbottigliamento: marzo 2020
Produzione: 260.000 bottiglie circa
Caratteri dell’annata: annata di corpo pieno, frutta rossa matura, tannini potenti, grande struttura
Caratteri del vigneto: vigneti vari nella zona d’origine
Longevità: 20/25 anni dalla vendemmia
Proprietari dei vigneti: 54 soci conferitori
Abbinamenti: paste all’uovo, piatti di carne e formaggi a media stagionatura

Peso 6 kg
Producer

Denominazione

Vitigno

Regione

Formato

Amazon Country

Italia

Amazon Wine Type

Rosso

Vol Alcolico

14,5

Annata

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “PRODUTTORI DEL BARBARESCO Barbaresco 2017 Doppio Magnum”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…